"L'ALBA DI UN NUOVO MONDO"

 La prima domanda che mi sono posto  è: cosa coltivare?

 Agricoltura innovativa!!  E che rispetti anche l’ambiente..

In quest’ottica abbiamo individuato due categorie di colture innovative e redditizie:

  • --Bambù  (specie denominata Phyllostachys edulis)
  • --Bacche di goji  (Lyceum barbarum)

Fino ad oggi le bacche di Goji erano coltivate solamente in Cina, dove, dopo un processo di essiccazione o trasformazione in succo venivano e sono tutt’ora confezionate e spedite in tutto il pianeta.

 Le bacche di Goji disidratate o trasformate percorrono migliaia di chilometri degradando inevitabilmente le proprietà organolettiche che le caratterizzano, e quindi perché non provare la coltivazione nel Salento!

 

Queste colture si integrano perfettamente

Le colture tradizionali non ripagano le nostre fatiche: stiamo lavorando per la sopravvivenza; basti considerare che un ettaro coltivato a grano, se tutto va bene, può rendere al massimo 400 euro!!

La coltivazione del bambù gigante è sicuramente la più redditizia in assoluto con una enorme potenzialità di mercato.

Fra tutte le colture innovative e ancora poco conosciute, le piante di goji  sono le uniche ad avere un mercato già molto ampio e stabile.

Integrare queste due categorie di colture, in funzione dell’ambiente pedoclimatico specifico, consente di conseguire un reddito sicuro sin dal primo anno e di implementare la redditività in maniera esponenziale negli anni a seguire.

Non esiste nessun motivo affinché la “bacca della vita” non possa essere coltivata sulle nostre terre, dove può crescere rigogliosa, sfruttando le temperature a essa più adatte, tipiche della nostra penisola.